Archivio categoria: tutti dischi dell’anno

I rapper bianchi hanno lo stesso fascino perverso delle donne con il cazzo?

di

Una delle cose che ci piacciono di più del mondo di internet è ascoltare un pezzo figo di un gruppo a caso, scaricarsi in un nanosecondo l’intera discografia, pure le registrazioni a 92kbps… Continua a leggere

L’Arcadia irrequieta

di

Allora, mi sono ritrovato ad ascoltare Lűűp, prima di piombare nell’abisso Creedence Clearwater Revival (che dura tutt’ora, non pensate). E allora? Beh, Lűűp, oltre a necessitare della funzione copia-incolla per essere scritto ripetutamente… Continua a leggere

Quarzo, una recensione da prendere con le molle

di

E’ molto dura, cari ventiquattro lettori (siamo sotto Manzoni, in classifica), valutare un gruppo per la prima volta, soprattutto se non si tratta dell’album d’esordio. Se non aveste sentito “canzoni da spiaggia deturpata”,… Continua a leggere

Il paradiso perduto dei Subsonica, ovvero quant’è brutto “Eden”

di

Non è che questa recensione la si sta facendo per vanto, per dare qualche scudisciata importante. Allo stesso modo, non siamo tra quelli che annuiscono quando qualcuno dice “la musica italiana fa cacare”.… Continua a leggere

Hai rotto il cazzo con questi post lunghi un milione di parole

di

Se John Wayne ci ha insegnato qualcosa, ci ha insegnato che i veri uomini non parlano mai troppo. E che uccidere gli indiani a fucilate è giusto.

Finché Vinicio va, non remare, ma ascolta bene

di

Dal momento che “da solo” era stato un po’ deludente, Capossela ha chiamato i rinforzi: “Marinai, profeti e balene”.

Crodino è con noi! – Into gay pride ride

di

Ci accingiamo a scrivere di un disco di truemetal, il genere forgiato con i fulmini di una notte primeva da Odino, Richard Wagner e Joey di Maio, il priapo di Auburn. Tuttavia, i… Continua a leggere

Le nostre indicazioni di voto: vota NO alla Monarchia

di

Ci sono già poche certezze nella nostra vita che quando qualcosa viene a romperci le palle per cambiarcele, vorremmo in ogni modo lasciar perdere quella cosa e continuare a dormire tranquilli, con le… Continua a leggere

La sorprendente recensione del sorprendente album d’esordio de I cani

di

Oggi è l’international day of Slayer. Peccato non averlo saputo prima, altrimenti avremmo sacrificato volentieri la nostra cliente più anziana e più rompicoglioni sull’altare di Satana, e per di più ci saremmo tenuti… Continua a leggere